Buccellati alle mandorle

Ingredienti:

  • 1 kg. di farina 00
  • 250 gr. di strutto
  • 200 gr. di zucchero
  • acqua q.b.
  • zucchero a velo

Per il ripieno:

  • 250 gr. di di mandorle sgusciate e pelate
  • cannella
  • 250 gr. di uva passa
  • cacao amaro
  • miele

I buccellati, chiamati in dialetto cucciddati, arrivano dalla Sicilia e sono dolci squisiti in grado di arricchire di gusto la tavola delle feste! Ecco come preparare questo dolce della tradizione. Dedicatevi anzitutto alla preparazione della pasta: in una ciotola piuttosto capiente unite la farina, lo strutto, lo zucchero e un po’ d’acqua. Lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo, quindi dividetelo in tre parti; formate dei panetti, ricopriteli con della pellicola trasparente e riponeteli in frigo per un’ora almeno. Tritate le mandorle e l’uva passa e unite il miele e la cannella: mescolate tutti gli ingredienti del ripieno in modo da incorporarli in maniera armoniosa. Aggiungete un po’ di cacao amaro in polvere e mettete il composto sul fuoco, a fiamma molto bassa, mescolando continuamente in modo da ottenere un impasto omogeneo. Il ripieno ottenuto va quindi fatto raffreddare per circa un’ora.

Trascorso il tempo di riposo sia per la pasta che per il ripieno, prendete un panetto e stendete la pasta realizzando uno strato sottile, quindi ricavate tanti cerchi e su ognuno di essi disponete un cucchiaino di ripieno: chiudete a mezza luna o nel modo che preferite. Ai buccellati si può dare la forma che si predilige, o che risulta di più semplice realizzazione! Utilizzando un coltello potete inoltre praticare dei tagli nella pasta per consentire al vapore di fuoriuscire durante la cottura e per rendere più aderente alla tradizione l’aspetto di questo dolce. Preriscaldate il forno a 180 gradi e infornate per un arco di tempo compreso tra i quindici e i venti minuti. Trascorso questo tempo, sfornate e fate raffreddare. Potete guarnire i vostri buccellati alle mandorle cospargendoli di zucchero a velo. Che delizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *